Poesia, Racconti & Poesie

Il nome e le sue spine

Sei un nome.
Sei un nome ed un cognome.
Sei uno schermo di un cellulare,
un’illuminazione che alla fine non parla di te,
una chiamata che non arriva.
Sei un messaggio salvato in archivio:
“lontano dagli occhi”, così dicono.
Sei una foto in galleria che vedo solo quando mi manchi,
quando per raggiungerla scavo tra le cartelle
ed eccomi, di nuovo, mentre arrivo al tuo nome.
Al tuo nome e al tuo cognome
ed anche al tuo sorriso e al tuo viso.
Sei un ‘mi piace’ casuale, nel mezzo di altri ‘mi piace’ casuali.
Sei un ricordo, una fitta, la lama intera.
Il tuo nome è la spina della rosa e non il suo profumo.
Il tuo viso è quello di un angelo e di un demone insieme;
per quanto fai bene
e per quanto fai male.
Eppure non hai più un corpo.
Tu sei ricordo,
tante frasi dette,
molte bugie ascoltate e da un lato del cuore, pure credute.
Sei una macchina fredda,
un mazzo di fiori secco,
un regalo ormai troppo stretto.
Non esisti più.
Tu non esisti più.
Sei un fantasma che non vive in città,
sei una rottura e una morte che non si incrocia con la mia vita.
Quella che ora sono, non sa più niente di quel che adesso sei;
ma i ricordi del cuore lo fanno sussultare
quando tornano a leggere casualmente quel nome.
Quel nome e quel cognome
che anche se lontani dalla vista,
anche se fantasma, lama e spine insieme,
non ho mai potuto dimenticare ad amare.

8 pensieri su “Il nome e le sue spine”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...